Offerta limitata. Solo fino al 9/12/2018 ottieni il 25% di sconto. Usa il codice NAT18

Dizionario di contabilità

Più di 80 articoli per piccoli imprenditori e liberi professionisti

  1. Fattura

Contributo CONAI - Cos'è il contributo CONAI?

Il contributo CONAI è un importo inserito in fattura che si riferisce ai costi di riciclo e gestione degli imballaggi

Sei in dubbio su come creare una fattura? Segui la nostra guida.

Il contributo CONAI prende il nome dal Consorzio Nazionale Imballaggi, ente privato e senza scopo di lucro che si occupa della gestione degli imballaggi.

Si tratta di un importo che rientra nell'imponibile IVA di una fattura e che varia per il tipo di materiale utilizzato e che viene utilizzato per coprire i costi di smaltimento.

Questo costo viene ripartito tra produttori e utilizzatori di imballaggi che devono pertanto iscriversi al Consorzio sotto un profilo diverso a seconda del ruolo che ricoprono.

Il contributo deve essere pagato una sola volta per imballaggio al momento della prima cessione ovvero il momento in cui questo passa dall'ultimo produttore al primo utilizzatore.

Chi deve versare il contributo CONAI? I produttori

Abbiamo già detto che questo contributo ambientale deve essere sostenuto da produttori e utilizzatori di imballaggi. Quali sono le categorie interessate e come si devono registrare al Consorzio?

Tutti i produttori devono iscriversi come tali e iscriversi ai diversi statuti quando richiesto.

  • chi produce elementi che vengono utilizzati imballaggi. Obblighi: applicare il contributo solo quando vende i prodotti agli autoproduttori ovvero coloro che producono i propri imballaggi per vendere la propria merce.

  • chi importa materie prime per imballaggi. Categoria di registrazione: registrazione agli statuti consortili per i diversi materiali. Obblighi: applicare il contributo e dichiararlo.

  • chi produce semilavorati che possono essere poi usati per imballaggi. Obblighi: L'applicazione del contributo e la relativa dichiarazione devono avvenire nel caso in cui si venda a autoproduttori.

  • chi importa semilavorati. Obblighi: applicare il contributo e dichiarare le relative operazioni.

  • chi produce imballaggi vuoti. Categoria di registrazione: produttori e adesione agli statuti consortili per i relativi materiali. Obblighi: contributo per ogni materiale degli imballaggi venduti e per quelli creati per utilizzo proprio per le merci da vendere.

  • chi importa e rivende imballaggi vuoti. Categoria di registrazione: produttori e statuti consortili. Obblighi: Applicazione del contributo a tutti i materiali e beni e relativa dichiarazione

Modello di fattura con contributo CONAI

Chi deve versare il contributo CONAI? Gli utilizzatori

Passiamo ora agli utilizzatori di imballaggi che pur non immettendo direttamente l'imballaggio nel sistema lo utilizzano ed sono responsabili della gestione di questi materiali unitamente ai produttori.

Per tutti gli utilizzatori è necessario indicare il settore di appartenenza al momento della registrazione al CONAI.

  • chi compra e riempie imballaggi vuoti. Obblighi: Pagare il contributo indicato nelle fatture di acquisto e riportare il riferimento legislativo al contributo al momento della vendita ai clienti. La dichiarazione periodca e il versamento del contributo devono seguire le leggi di importazione nel caso in cui il fornitore sia estero.

  • chi importa merci imballate. Obblighi: Pagamento del contributo per tutti gli elementi indicando i singoli materiali se necessario.

  • autoproduttori. Si definiscono tali coloro che acquistano degli imballaggi per confezionare le proprie merci. Obblighi: Pagari il contributo indicato nella fattura del fonitore e riportare il riferimento legislativo nelle fatture attive. Inoltre è necessario effettuare la dichiarazione per tutti i casi in cui i materiali acquistati servano per la vendita delle merci.

  • chi commercia. Nel caso in cui i fornitori siano italiani, è necessario solo riportare i riferimenti legislativi mentre il pagamento del contributo e la relativa dichiarazione vengono richiesti per fornitori stranieri poichè questo scenario si considera equivalente all'importazione.

  • chi commercia in imballaggi vuoti. Si applicano le stesse regole del punto precedente.

Valore del contributo CONAI per tipo di materiale

Gli importi per tonnellata previsti per calcolo del contributo CONAI sono i seguenti:

  • 13 euro per l'acciaio
  • 45 euro per l'alluminio
  • 4 euro per la carta
  • 7 euro per il legno
  • 188 euro per la plastica
  • 17,30 euro per il vetro (che scenderà a 16,30 euro a partire dal 1 luglio 2017)

Contributo CONAI nel modello di fattura

Se sei registrato come produttore il tuo modello di fattura deve riportare tutte le informazioni necessarie per stabilire come venga calcolato il contributo.

Il CONAI fornisce l'importo dei contributi in euro per tonnellata, informazione che devi annotare in fattura insieme al peso degli imballaggi.

Nel caso in cui la quantità dei prodotti sia espressa in un unità non facilmente riconvertibile dalle tonnellate, devi indicare un secondo valore a questo scopo.

Hai quindi diverse opzioni:

  • indicare le informazioni del prodotto in due righe separate
  • riportare il riferimento al contributo ambientale nella descrizione dei diversi prodotti creando un'unica voce per il contributo nel caso in cui si tratti dello stesso tipo di materiale.

Se invece hai diversi materiali da dover esporre nella stessa fattura devi necessariamente indicare voci separate per ogni componente.

Per imballaggi compositi si fa riferimento al materiale preponderante mentre per quelli multimateriali si calcola in percentuale dei componenti.


Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi