Offerta limitata. Solo fino al 9/12/2018 ottieni il 25% di sconto. Usa il codice NAT18

Dizionario di contabilità

Più di 80 articoli per piccoli imprenditori e liberi professionisti

Contributo previdenziale - Cos'è un contributo previdenziale?

Con Debitoor puoi inserire la rivalsa in fattura attivandola dalle impostazioni del conto. Comincia a creare fatture professionali e personalizzate.

Un contributo previdenziale è un versamento effettuato dal lavoratore per beneficiare di un trattamento pensionistico in caso di invalidità, inabilità, vecchiaia, anzianità o morte.

L'importanza dei contributi sta nel fatto che sono parte di una copertura assicurativa che protegge il lavoratore nel caso in cui si verifichi un evento che impedisca la piena o la completa abilità di lavorare.

Calcolo dei contributi

Le contribuzioni vengono calcolate sull'ammontare lordo dello stipendio e vengono pagati per 2/3 dal lavoratore e per 1/3 dal datore di lavoro.

L'ammontare dei contributi non può essere meno dell'ammontare calcolato sul minimale della retribuzione ovvero il salario minimo che la legge e i contratti collettivi prevedono.

Pagamento dei contributi

Secondo la legge, tutti i lavoratori sono tenuti a pagare i contributi che siano detratti a monte dal salario (per i dipendenti) o alla cassa di categoria o alla Gestione separata INPS (per i liberi professionisti). Il datore di lavoro è responsabile del regolare versamento dei contributi all'INPS.

I liberi professionisti sono gli unici soggetti responsabili del pagamento di questo contributo verso l'INPS ma possono applicare una percentuale del 4% sui compensi lordi che prende il nome di rivalsa o contributo integrativo.

INPS e casse di categoria

I lavoratori sono tenuti a pagare i contributi all'INPS oppure alla cassa di categoria. L'ammontare di contributi da pagare non è uguale per tutti ma varia in base alla categoria di attività.

In seno all'INPS infatti, gli artigiani, i commercianti e i lavoratori autonomi hanno profili contributivi diversi. Le casse professionali di previdenza hanno regole diverse e specifiche per ogni organizzazione.

Le casse sono:

  • ENPAB per i biologi
  • EPAP per chimici, agronomi, attuari e geologi
  • ENPAPI per gli infermieri
  • EPPI per i periti industriali
  • ENPAP per gli psicologi
  • ENPAV per i veterinari
  • INPGI per i giornalisti
  • CNPADC per i dottori commercialisti
  • Cassa geometri
  • CNPR per ragionieri e periti commerciali
  • Inarcassa per architetti e ingegneri
  • Cassa forense per gli avvocati

Contributi INPS

Il calcolo dei contributi per queste due categorie di lavoratori è simile e suddivisa nelle due tipologie (contribuzione fissa e in percentuale) con unica differenza dell'aliquota applicata come percentuale di redditi.

Contributi INPS per artigiani

Devi aprire partita IVA come artigiano se nel tuo lavoro il lavoro manuale è preponderante.

La contribuzione è poi di due tipi:

  • contributi fissi pari a circa 3.600 all'anno sul reddito minimale di 15.548 euro indipendentemente dai guadagni effettivamente registrati
  • contributi in percentuale pari a 23,10% su redditi compresi tra 15.549 euro e 46.123 euro o 24,10% se oltre questa soglia.

Contributi INPS per commercianti

Devi aprire partita IVA come commerciante se acquisti e rivendi diversi tipi di beni e contestualmente iscriverti al Registro delle Imprese.

In questo caso:

  • la contribuzione fissa è uguale a quella degli artigiani, quindi circa 3.600 all'anno
  • la contribuzione percentuale è invece uguale a 23,19% tra 15.549 euro e 46.123 euro o 24,19% su guadagni più alti.

Per entrambe le categorie queste regole contributive si applicano solo fino al raggiungimento del massimale pari a 76.872 euro oltre il quale non vengono calcolati i contributi sull'importo eccedente.

Versamento dei contributi INPS artigiani e commercianti

Tempistiche e modalità di versamento dipendono dal tipo di contributo:

i contributi fissi vanno versati in 4 rate:

  • 16 maggio
  • 20 agosto
  • 16 novembre
  • 16 febbraio dell'anno seguente

i contributi percentuali su importi maggiori di 15.548 hanno le stesse scadenze di contribuzione di IRPEF e IRAP ovvero:

  • 30 giugno
  • 30 novembre

Contributi Gestione Separata

Tutti i lavoratori autonomi o professionisti che non hanno una cassa previdenziale di riferimento sono tenuti a registrarsi alla Gestione Separata dell'INPS.

La regola di contribuzione in questo caso è applicare il 25,72% al reddito lordo registrato e dichiarato.

Il minimale da raggiungere perchè l'INPS aggiunga un anno di contribuzione per il pensionamento è 15.548 euro, mentre il tetto massimale è 100.324 euro (l'importo superiore a questa somma non viene preso in considerazione per il calcolo dei contributi).

Versamento dei contributi INPS Gestione Separata

Il versamento dei contributi INPS per la Gestione Separata è analogo a quello per commercianti e artigiani ovvero:

  • 30 giugno
  • 30 novembre

Contributi per contribuenti in regime forfettario

Parte delle agevolazioni disponibili per chi apre partita IVA in regime forfetario agevolato è uno sconto del 35% sui contributi fissi INPS per artigiani e commercianti.

Estratto conto contributivo

Per i contribuenti INPS è possibile consultare un estratto conto che riporta lo storico dei contributi versati fin dall'apertura della posizione contributiva.

In questo modo è possibile tenere sempre sotto controllo la situazione e comunicare eventuali errori prima di incorrere in pesanti sanzioni.


Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi