Dizionario di contabilità

Più di 80 articoli per piccoli imprenditori e liberi professionisti

  1. Esterometro
  2. Sistema di Interscambio
  3. Codice Destinatario
  4. Fattura elettronica

Fattura elettronica estero - Che cos’è la fattura elettronica estero?

La fattura elettronica estero è il metodo di fatturazione elettronico che si usa per i clienti esteri quando non si vuole compilare l’esterometro

Confuso? Frustrato da tasse e burocrazia? Prova Debitoor gratis, facile e intuitivo con assistenza gratuita!

In questo articolo parleremo di che come nasce la fattura elettronica estero, coem si emette correttamente e che altre alternative si hanno.

Com'è nata la fattura elettronica estero

La fattura elettronica estero nasce dalla necessità dello stato di tracciare le fatture elettroniche attraverso il Sistema di Interscambio. Questo sistema necessita di una partita IVA o codice fiscale italiano per consegnare la fattura alla persona interessata.

Nel caso di fatture a clienti esteri non è possibile recapitare le fatture elettroniche in più, dato che non rientra negli standard degli altri paesi, non ha nessuna validità per il destinatario.

L’Agenzia delle Entrate ha deciso di permettere l’emissione di fatture elettroniche verso l’estero che hanno una validità interna, solo per tracciare le somme di denaro e calcolare l’IVA e il volume di affari di un’attività.

La fattura elettronica estero non è obbligatoria, come vedremo più avanti in questo articolo, e ci sono alternative se si decide di non usarla.

Come si emette la fattura elettronica estero

Per compilare la fattura elettronica estero si devono inserire gli stessi campi della fattura elettronica con queste differenze:

  • come codice destinatario va inserito XXXXXXX (sette volte X),
  • per i soggetti esteri residenti in UE va inserita la partita IVA del destinatario,
  • per i soggetti esteri extra-UE va inserito il codice OO99999999999 (due volte la lettera O e undici volte 9),
  • al contrario della fattura elettronica per clienti residenti in italia, va mandata per forza la fattura cartacea o digitale al cliente, dato che non riceverà la copia in XML.

Alternativa alla fattura elettronica estero: l’esterometro

Se un soggetto passivo IVA che ricade sotto l’obbligo di fattura elettronica non emette la fattura elettronica verso i clienti esteri dovrà compilare l’esterometro per informare l’Agenzia delle Entrate delle transazioni di denaro verso clienti esteri.

L’esterometro quindi sostituisce la fattura elettronica estero, però è più conveniente fare la fattura verso l’estero perchè per compilare l’esterometro si deve chiedere il servizio di un commercialista, che di solito non costa poco.

La fattura elettronica estero su Debitoor

Su Debitoor, programma di fatturazione elettronica, la fattura elettronica estero si può compilare facilmente e rapidamente.

Ti basta andare su “Fatture”>”Crea nuova fattura” ed iniziare a compilare i capi del cliente. Quando si va a selezionare il paese, il programma riconosce se il cliente è:

  • residente in Italia, lasciando i campi per la fatturazione elettronica normale,
  • residente UE, togliendo il campo del codice destinatario (verrà preimpostato),
  • o residente extra-UE, togliendo anche il campo partita IVA (verrà preimpostato).

La fattura andrà poi finita di compilare, completata e inviata al SdI tramite il bottone “invia XML al SdI.

In questo modo semplice e intuitivo non dovrai compilare l’esterometro.


Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp