Dizionario
Dizionario di contabilità di Debitoor
Fatturazione Elettronica PA

Fattura elettronica PA - Che cos’è la Fatturazione elettronica PA

La fatturazione elettronica PA si riferisce alla nuova fattura elettronica verso la Pubblica Amministrazione.

Prova Debitoor, e gestisci la fatturazione elettronica col programma di fatturazione più semplice e intuitivo.

Fatturazione B2G

La fatturazione elettronica PA è la fatturazione che un privato deve emettere verso la pubblica amministrazione e può essere anche definita con la sigla B2G che in inglese sta per Business to Government.

La fattura PA è stata il primo passo da parte dello stato italiano per monitorare e di conseguenza cercare di limitare l’evasione fiscale. L’obbligo di fattura elettronica verso le PA è già in vigore e dal 2019 sarà obbligatoria anche la fatturazione elettronica tra privati, che spingerà molta gente a servirsi di un programma di fattura elettronica.

Come emettere una fattura PA in pochi passi

La fatturaPA è un file in formato .xml che deve essere compilato e mandato al Sistema Di Interscambio il quale provvederà a controllare la corretta compilazione e, una volta accertata la corretta emissione, recapiterà la fattura elettronica alla PA.

I passi da seguire sono semplici, basterà compilare la fattura con tutti i dettagli tra i quali data, committente, destinazione e numero di fattura, e poi inserire il codice Ufficio PA che identifica l’ente PA a cui si vuole inviare la Fattura elettronica tramite un codice identificativo univoco.

Come compilare una fattura PA

Ci sono due modi, il primo è utilizzare un software abilitato come Debitoor, mentre il secondo metodo necessita il passaggio tramite il sito dell’Agenzia delle entrate.

Per accedere alla compilazione serve o il codice SPID, o credenziali Entratel - Fisconline o tramite la CNS()/dizionario/carta-nazionale-servizi-cns) abilitata dall’Agenzia delle Entrate.

Inviare una fattura PA

Una volta validata la fattura PA con la firma elettronica qualificata, per garantirne l’autenticità e l’immutabilità ma soprattutto per identificare l’emittente di tale fattura, essa sarà pronta per essere inviata all’ente scelto tramite il Sistema di Interscambio.

Dovrà quindi essere caricata in formato .xml o .zip (nel caso vengano inviate più fatture insieme, max 10) tramite uno dei canali accreditati Web Service (per esempio Debitoor) o FTP (file transfer protocol) sul Sistema di Interscambio.

Una volta caricata la FatturaPA il SdI manderà una ricevuta di accettazione o una ricevuta di scarto a seconda se la fattura elettronica è stata compilata correttamente o no.

Codice CIG e CUP fattura PA

Quando andiamo a compilare la fattura PA ci sono varie casistiche di incarichi per la PA che possono essere specificate con un codice per garantire la tracciabilità dei pagamenti.

Il CIG (Codice di Identificativo Gara) serve per identificare la gara di appalto, mentre il CUP (Codice Unico Progetto) serve per identificare il progetto per il quale si sta emettendo la fattura.

Vi sono due caselle apposta per la compilazione di questi codici nel modello di Fattura PA, ma nel caso questi codici non siano comunicati dall’ente committente, in questi campi andrà inserito uno 0.

Split payment fattura PA

La fattura elettronica verso la PA ha l'obbligo di split payment, un tipo di esigibilità IVA che va a modificare chi è responsabile del versamento di quest'ultima all'erario.

Nella fattura split payment Il totale da pagare sarà a netto IVA, dato che chi emette fattura non incassa l'IVA ma la PA si occupa direttamente di saldare il debito verso lo stato e quindi di contribuire al versamento al posto dell'emissario.

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp