Offerta limitata. Solo fino al 9/12/2018 ottieni il 25% di sconto. Usa il codice NAT18

Dizionario di contabilità

Più di 80 articoli per piccoli imprenditori e liberi professionisti

  1. Fattura
  2. Rivalsa
  3. Ritenuta d'acconto
  4. Fattura proforma

Parcella - Cos'è una parcella?

Una parcella è un tipo di fattura che viene emessa da liberi professionisti iscritti all'albo di categoria.

Leggi maggiori informazioni su come gestire la tua fatturazione.

Una parcella è un tipo speciale di fattura che deve essere emessa da liberi professionisti iscritti all'albo di categoria.

Questo significa che devono emettere parcella ad esempio avvocati, ingegneri, notai, consulenti o commercialisti ma non artigiani o parrucchieri. Questo perchè pur lavorando autonomamente i secondi si classificano come lavoratori autonomi e hanno un inquadramento diverso dai lavoratori autonomi.

La funzione è esattamente la stessa di una fattura, certificare il pagamento da parte del cliente ma per l'acquisto di una conoscenza o sapere che una di queste figure professionali mette a tua disposizione dietro pagamento.

Struttura della parcella

La struttura della parcella è molto simile a quella della fattura. Un modello di parcella include:

  • il numero e la data di emissione
  • i dati completi del tuo cliente e i tuoi
  • l'onorario a cui viene applicata regolare aliquota IVA. Devi decrivere tutte le voci che compongono il totale indicando ad esempio le ore necessarie per completare un'operazione e il prezzo unitario.
  • le anticipazioni ovvero tutte le spese sostenute in nome e per conto del cliente che devono essere rimborsate. A questo importo non viene applicata IVA.
  • le altre spese che vengono incluse nel computo dell'IVA e dei contributi pensionistici
  • la rivalsa previdenziale calcolata come percentuale dell'imponibile (percentuale che varia in base al tipo di professione)
  • la ritenuta d'acconto che si calcola come 20% dell'imponibile e che viene sottratta alla somma delle voce precedenti (da cui viene esclusa la rivalsa poichè non considerata fonte di reddito)
  • l'importo totale da pagare, i termini e le condizioni di pagamento.

Una differenza formale inoltre è la denominazione di avviso di parcella piuttosto che fattura proforma nel caso in cui emetta un documento senza validità fiscale.

La struttura delle parcelle, in ogni caso, può essere più o meno complessa a seconda del tipo di professione che si svolge.

Parcella per un avvocato

Un caso comune e esempio particolare è la parcella dell'avvocato la cui struttura presenta degli elementi aggiuntivi rispetto a quanto sopra. Precisamente:

  • l'onorario
  • il rimborso fofettario delle spese pari al 15% dell'onorario, il cui importo conta per IVA e rivalsa
  • le anticipazioni ovvero tutte le spese sostenute dall'avvocato per il cliente per la presentazione della causa e pagate allo Stato (come imposte, tasse e bolli). Questo importo è escluso dal calcolo di IVA e rivalsa e deve essere rimborsato dal cliente.
  • le altre spese relative al caso (da cui vengono escluse le spese generali) che sono soggette a IVA e rivalsa
  • il contributo integrativo previdenza avvocati (CIPA) nella misura del 4% di imponibile (compensi e spese imponbili)
  • ritenuta d'acconto del 20% dell'imponibile solo nel caso in cui il cliente abbia partita IVA.

Fattura vs parcella

Come abbiamo visto fattura e parcella non sono differenti quasi per nulla se non per il nome formale e per il tipo di professionista e di servizi per cui vengono emesse.


Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi