Offerta limitata. Solo fino al 9/12/2018 ottieni il 25% di sconto. Usa il codice NAT18

Dizionario di contabilità

Più di 80 articoli per piccoli imprenditori e liberi professionisti

  1. Fattura
  2. Codice fiscale
  3. IVA
  4. IRPEF
  5. IRAP

Partita IVA - Cos'è la partita IVA?

La partita IVA è un numero che definisce univocamente il titolare e viene utilizzata per pagare l'IVA.

Scopri maggiori informazioni sull'universo della fatturazione con Debitoor.

La partita IVA è una serie di 11 numeri che identifica il titolare e serve a contribuire l'IVA all'Agenzia delle entrate.

La partita IVA può coincidere con il codice fiscale, ma non sempre questo si verifica.

Sono tenuti ad aprire partita IVA tutti i lavoratori autonomi (e quindi non dipendenti) che hanno entrate superiori ai 5000 euro all'anno (soglia sotto cui la registrazione non è obbligatoria).

La partita IVA è necessaria per ogni soggetto che voglia emettere fattura per un bene venduto o un servizio prestato ed è uno dei passi fondamentali per avviare un'attività.

Come aprire la partita IVA?

Fare domanda per la partita IVA è facile e gratuito: bisogna presentare il modulo apposito in cui si indica il codice ATECO e allegando un documento d'identità valido con una di queste modalità:

Benefici e costi della partita IVA

I titolari di partita IVA possono detrarre i costi legati all'attività dall'ammontare da pagare alle autorità fiscali.

Le imposte a cui questi soggetti sono sottoposti sono:

  • IRPEF
  • IRAP
  • contributi INPS
  • assicurazione INAIL
  • iscrizione alla Camera di commercio

Le somme da contribuire variano in base al regime fiscale e contabile scelti e alle caratteristiche del titolare.

Partita IVA e regimi fiscali

I diversi regimi fiscali presentano vantaggi e requisiti diversi; per questa ragione prima di scegliere a quale aderire è opportuno considerare con il commercialista i diversi scenari e calcolare almeno approssivamente quali saranno gli introiti maturati durante l'anno.

Si può aprire partita IVA:

  • come ditta individuale o lavoratori autonomi. Le procedure sono simili ma gli obblighi differiscono per il versamento dei contributi e il pagamento dell'IRPEF.
  • come contribuenti del regime dei minimi. Dal punto di vista fiscale a questi soggetti è richiesto il pagamento di un'imposta sostitutiva del 5% piuttosto che le normali aliquote IRPEF e addizionali regionali e comunali. Inoltre, la contabilità è semplificata. La legge di Stabilità 2016 ha modificato la soglia di guadagni che i contribuenti non devono superare per aderire al nuovo regime forfettario.

Ampliamento dell'attività o chiusura della partita IVA

Nel caso in cui le operazioni si espandano e sia necessario aggiungere uno più codici di attività ATECO, è necessario comunicare il cambiamento alle autorità entro 30 giorni dalla modifica.

Il numero di partita IVA non cambia ma i nuovi codici vengono incorporati.

Nel caso in cui si voglia eliminare la partita IVA, è possibile farlo attraverso la procedura e la compilazione dei documenti appositi.

Un nuovo numero di partita IVA viene assegnato nel caso in cui si avvia una procedura per riaprirla.

Vies e fatturazione europea

Secondo la legge è necessario che chiunque voglia effettuare operazioni in ambito europeo debba iscriversi all'elenco VIES.

Le modalità di presentazione della domanda sono uguali a quelle per l'apertura della partita IVA (presso un ufficio dell'Agenzia delle entrate, via posta raccomandata o internet).

Partita IVA su Debitoor

Su Debitoor puoi inserire la tua partita IVA da Impostazioni>Azienda>Tasse e registrazione.

Inoltre per ogni cliente esiste un campo partita IVA/codice fiscale in cui puoi inserire questa informazione.

Infine, quando effettui il pagamento per uno dei piani ti viene richiesto il numero di partita IVA. Ricorda di premettere la sigla IT se hai un numero di partita IVA europeo.


Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi