Dizionario
Dizionario di contabilità di Debitoor
Passive income

Passive income - Che cos’è il passive income

Passive income, o reddito passivo, è un reddito che una volta impostato correttamente continua ad arrivare senza dover fare quasi nessuna azione

Gestisci la tua attività automatizzando i processi con Debitoor

Passive income, che in italiano si traduce con reddito passivo, è un termine che va molto di moda al momento perché molte persone stanno cercando attività per generare reddito automatico e vivere di rendita.

“Reddito passivo” è un termine fuorviante perché sembra che senza fare niente si possa avere un influsso di denaro perenne.

In realtà un termine più appropriato è “reddito automatizzato”, automated income in inglese, ovvero un reddito che proviene da un’attività impostata ed automatizzata che necessita solo di manutenzione.

Passive income - fare soldi online

Il passive income nasce dall’idea di fare soldi online grazie alle varie opportunità create da internet e dai sui vari attori principali.

Impostando un’attività online come un ecommerce molte persone si aspettano di fare soldi facili: una volta creato un sito internet ci si aspetta di aver finito il lavoro. In realtà il marketing, il SEO ed un aggiornamento continuo dei prodotti, sono fondamentali per avere successo.

In questo articolo andiamo a vedere varie fonti di reddito alternativo adottate da chi vuole fare soldi online e quindi produrre reddito per avere un guadagno passivo.

Le attività più comuni di passive income

Tutte le attività che ti permettono di generare un reddito passivo vengono impostate nella stessa maniera e la metafora migliore per spiegarle sono i distributori automatici.

Per iniziare un business di distributori automatici devi comprare un distributore automatico, capire che prodotti metterci dentro ed affittare lo spazio dove installare il distributore.

Finita la prima fase di impostazione dell'impresa di rivenditori automatici non ti resta che ritirare i soldi e rifornire i prodotti. Per essere un vero reddito passivo, all’inizio rifornirai te i distributori automatici, poi una volta capito il guadagno effettivo deciderai se pagare qualcuno che continui a rifornire e a decidere i prodotti per te.

In questo modo sei arrivato ad avere un reddito passivo.

Le attività online rispecchiano questo modello, va costruita una pagina o un canale che viene visitato molto e da lì si inizia a vendere un prodotto fino a quando si riesce ad automatizzare tutto il processo.

Le attività principali di passive income per fare soldi online sono:

  • Affiliate marketing
  • Canale Youtube
  • Ecommerce
  • Vendita di prodotti virtuali

Generare passive income con l’affiliate marketing

L’affiliate marketing consiste nel promuovere un prodotto di un altro venditore al fine di ricevere una percentuale degli incassi, una commissione fissa sui click o un’altra formula simile.

Questo metodo per generare reddito passivo è molto funzionale perchè ti permette di utilizzare qualsiasi canale su cui sei presente, dove hai una audience o un seguito, per poi monetizzare questo canale.

Partendo da un canale che tratta un argomento specifico, per esempio Instagram, Youtube o un blog online, puoi trovare prodotti che offrono un link di affiliate marketing che riguardano questo argomento e sarai sicuro che i tuoi lettori saranno interessati al prodotto.

Resta molto importante scegliere un prodotto di qualità, quindi è sempre meglio sperimentarlo ed esserne soddisfatti prima di raccomandarlo al tuo pubblico affezionato.

Infine considera la promozione di un servizio piuttosto che un prodotto, infatti alcune aziende offrono un link di affiliate marketing per il quale riceverai una percentuale degli incassi totali del cliente che hai portato.

Questa modalità è molto redditizia per i prodotti venduti tramite abbonamento, che di solito sono i servizi.

Generare reddito passivo tramite un canale Youtube

Un canale Youtube non è facile da iniziare ma una volta raggiunta una certa dimensione funziona da solo. Infatti i video su argomenti sempre utili e non basati su una moda momentanea continueranno a crescere portando reddito grazie alle pubblicità.

Come abbiamo visto, il canale Youtube è molto utile anche per l’affiliate marketing, però l’attività che si lega al canale Youtube per eccellenza è l’ecommerce.

L’ecommerce ed il passive income

Un ecommerce è un sito online che consiste nella vendita di prodotti. Una volta costruito il sito, l’attività è pronta per partire, non come si aspetta la maggioranza delle persone che una volta creato un sito pensa di poter rilassarsi ed aspettare che la gente compri.

La parte più complicata dell’ecommerce è sicuramente la gestione dei prodotti, spedizioni e logistica in generale ed il marketing, ovvero l'acquisizione di clienti.

Esiste un metodo chiamato Dropshipping che permette di automatizzare tutta la parte di logistica. Partendo da un sito che vende prodotti molto economici, si possono rivendere sul proprio ecommerce mandandoli direttamente dal sito del fornitore al cliente.

Se i guadagni sono buoni si può considerare di pagare qualcuno per fare le pubblicità ed in questo modo automatizzare il marketing.

Oppure si può utilizzare il proprio canale social, canale Youtube o blog, per promuovere l’ecommerce.

Generare reddito passivo con la vendita di prodotti virtuali

La vendita di prodotti virtuali quali corsi, certificazioni, ebook e simili è un’attività che sta riscuotendo molto successo.

Il motivo è semplice, funziona come un ecommerce ma senza la complicazione della parte logistica. Quindi appena un cliente compra il prodotto, lo ha a sua disposizione direttamente online o sul suo computer.

Come le attività precedenti, c’è una fase di impostazione del business nella quale vengono creati questi prodotti online. Una volta creati si possono caricare su un piattaforma che li “vende per te”, come può essere Amazon per gli ebook.

La fatturazione ed il passive income

Il passive income, come ogni tipo di reddito, deve sottostare alla legge italiana. Per avere le tue attività online devi infatti aprire una partita IVA ed iniziare ad emettere fattura, una ricevuta o uno scontrino a seconda del prodotto che vendi.

Se vendi certificazioni e corsi formativi, i professionisti che comprano il corso richiederanno la fattura per scaricare il costo dalla loro partita IVA. Se invece vendi un prodotto come un ebook per consumatori finali ti basterà emettere uno scontrino.

Se utilizzi una piattaforma come Amazon non dovrai neanche emettere lo scontrino tu perchè sarà Amazon a gestire la transazione.

Reddito passivo online senza partita IVA

Molte attività come il freelance, il libero professionista o il consulente si possono iniziare senza partita IVA, utilizzando la prestazione occasionale.

Spesso queste attività hanno inizio in contemporanea con un lavoro dipendente, il che è possibile a meno che non sia specificato nel contratto di lavoro.

Purtroppo la promozione online di un’attività è considerato come un segnale di organizzazione e di attività continuata e per questo non può essere operata nella prestazione occasionale. È quindi obbligatorio aprire la partita IVA se si vuole avere un reddito passivo.

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp