Dizionario
Dizionario di contabilità di Debitoor
Registro dei corrispettivi

Registro dei corrispettivi - Cos'è il registro dei corrispettivi?

Il registro dei corrispettivi serve a registrare gli importi delle transazioni registrate da specifici enti economici.

Il registro dei corrispettivi è il punto di partenza per la liquidazione IVA. Leggi maggiori informazioni sul rapporto IVA.

Il registro dei corrispettivi è un documento contabile obbligatorio per alcuni tipi di attività e include tutte le operazioni effettuate su base giornaliera e le rispettive aliquote.

I commercianti al minuto e attività come bar, ristoranti, parrucchieri e pizzerie non sono tenuti a emettere fatture quando vendono un bene o un servizio ma emettono invece ricevute o scontrini.

CALCOLA LA LIQUIDAZIONE IVA IN AUTOMAICO

Per registrare l'IVA per queste categorie è necessario usare il registro dei corrispettivi.

registro corrispettivi programma di fatturazione e contabilità online

Come compilare il registro dei corrispettivi?

Su base gionaliera devono essere riportate le somme delle transazioni:

  • imponibili divise per relative aliquote
  • non imponibili
  • esenti IVA
  • in regime di margine
  • intracomunitarie
  • per cui è stata creata fattura come richiesto dal cliente
  • che riguardano beni immobili e strumentali

Inoltre, devi scrivere i numeri delle fatture create in quel giorno e puoi aggiungere la data di registrazione e l'oggetto di queste.

Requisiti formali del registro dei corrispettivi

Il registro dei corrispettivi deve necessariamente:

  • avere un numero su ogni pagina in sequenza
  • riportare l'anno di registrazione
  • essere privo di abrasioni, spazi vuoti o parti non chiaramente leggibili

L'imposta da bollo e la vidimazione non sono richiesti.

Registro dei corrispettivi e scorporo IVA

Il registro dei corrispettivi è il punto di partenza per la liquidazione IVA mensile o trimestrale.

CALCOLA LA LIQUIDAZIONE IVA IN AUTOMATICO

Dalla registrazione degli importi delle operazioni, infatti, si può risalire ai prezzi IVA inclusa e scorporare il prezzo netto e l'importo dell'imposta per determinare IVA a credito e debito.

Partendo dal prezzo ivato bisogna seguire la seguente formula:

100 : aliquota IVA = importo a cui viene applicata la percentuale : importo totale della percentuale

da cui sulla base delle regole matematiche possiamo ricavare:

100 : (100 + aliquota IVA) = importo a cui viene applicata la percentuale (importo a cui viene applicata la percentuale + importo totale della percentuale)

Esempio di scoporo IVA

Per capire meglio usiamo dei numeri. Supponiamo di aver comprato un tavolo di legno per il prezzo di 200 euro al 22% di IVA. Come procediamo?

Da quanto esposto prima possiamo ricavare la base imponibile (ovvero l'importo a cui viene applicata la percentuale) come:

100: 122 = base imponibile : 200

da cui base imponibile = (200*100)/122 che fa 163,93 euro.

L'importo IVA viene ricavato sottraendo all'importo inclusa IVA la base imponibile quindi 200 - 163,93 = 36,07 euro

Per verificare che il calcolo sia corretto puoi calcolare il 22% di 163,93 che è 36,07 euro.

Per evitare di fare questi calcoli manuali puoi semplicemente dividere il prezzo con IVA (in questo caso 200) per 1,22 (poichè l'aliquota è del 22%).

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp

La tua privacy è importante per noi

Quando accedi a questo sito o utilizzi una delle nostre applicazioni mobili, potremmo raccogliere automaticamente informazioni come dati standard e identificatori per scopi statistici o di marketing. Puoi acconsentire al trattamento per queste finalità configurando di seguito le tue preferenze. Se preferisci rinunciare, puoi in alternativa scegliere di negare il consenso. Tieni presente che alcune informazioni potrebbero essere conservate lo stesso dal tuo browser poiché sono necessarie per il funzionamento del sito.