Dizionario di contabilità

Più di 80 articoli per piccoli imprenditori e liberi professionisti

  1. Fattura
  2. Prestazione occasionale
  3. Ricevuta di pagamento
  4. Ricevuta bancaria (Ri.Ba)

Ricevuta - Cos'è una ricevuta?

Una ricevuta è una dichiarazione che documenta una vendita di beni o prestazione di servizi.

Leggi maggiori informazioni sui diversi aspetti della fatturazione.

Una ricevuta è un documento che attesta la vendita di un bene o la prestazione di un servizio.

Tipi di ricevuta

Il termine ricevuta viene usato per indicare diversi documenti, utilizzati comunemente da imprenditori come:

Ricevuta fiscale

La ricevuta fiscale è un documento che viene emesso da commercianti al minuti e artigiani per la vendita di beni o prestazioni di servizi.

Questi soggetti sono esonerati dall'emissione di fattura (a meno che non venga richiesta dal cliente al momento del pagamento).

La ricevuta fiscale deve includere determinate informazioni come:

  • un numero univoco che identifica il documento in una serie progressiva
  • la data di emissione del documento
  • i dati semplificati di emittente e cliente come il nome e cognome di una persona fisica o la ragione sociale, la ragione sociale, la partita IVA e l'indirizzo di chi vende
  • la descrizione, la quantità e la qualità dei beni o servizi
  • l'aliquota applicata e l'importo dei corrispettivi da pagare

Come le fatture, le ricevute fiscali devono essere prodotte in doppia copia (una per l'acquirente e l'altra per chi vende) ed essere emessa per ogni pagamento avvenuto.

Ricevuta di prestazione occasionale

Secondo la legge italiana chi non ha partita IVA può effettuare dei lavori saltuari che non siano abituali o continuativi, organizzati professionalmente e coordinati e non possono superare i 30 giorni con lo stesso committente e superare i 500 euro netti nello stesso anno solare.

Se la prestazione rispetta queste premesse, puoi effettuare la prestazione e devi certificarla attraverso un'apposita ricevuta che deve includere:

  • i dati dell'emittente e del cliente
  • il numero e la data di emissione della ricevuta
  • i compensi ricevuti
  • la ritenuta d'acconto nella misura del 20% dell'imponibile nel caso in cui il cliente abbia partita IVA (soggetto passivo IVA)
  • una marca da bollo di 2 euro nel caso in cui l'importo sia maggiori di 77,47 euro
  • il totale da pagare

Ricevuta di pagamento

La ricevuta di pagamento è un documento che serve ad attestare l'avvenuto saldo (parziale o totale) della fattura.

Solitamente riporta i dati della fattura di riferimento, la data di uno o più pagamenti, l'importo o gli importoi pagati e lo stato del pagamento (parzialmente o totalmente pagato).

Ricevuta bancaria (Ri.Ba)

La ricevuta bancaria o Ri.Ba, invece, è un documento che sancisce il diritto di un creditore di ricevere quanto dovuto dal debitore attraverso le banche presso cui hanno il conto corrente.

La ricevuta bancaria viene creata dal creditore che riporta:

  • i dati di creditore e debitore
  • il numero della fattura emessa
  • le modalità di pagamento
  • l'ultima data utile per provvedere al pagamento

Ricevuta fiscale vs fattura

Sia ricevute fiscali che fatture servono a certificare la vendita di beni o la prestazione di servizi. Alcune categorie di imprednitori come i commercianti al minuto sono esonerati dall'emissione della fattura per ogni vendita poichè considerato un obbligo oneroso per lo svolgimento dell'attività.

Per questo, ai commercianti al minuto o assimilati come gli artigiani viene richiesto di emettere invece delle ricevute fiscali.


Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi