Offerta limitata. Solo fino al 9/12/2018 ottieni il 25% di sconto. Usa il codice NAT18

Dizionario di contabilità

Più di 80 articoli per piccoli imprenditori e liberi professionisti

  1. Fattura
  2. IVA

Ritenuta d'acconto - Cos'è la ritenuta d'acconto?

La ritenuta d'acconto è una percentuale applicata in fattura all'imponibile come anticipo delle imposte da pagare.

Vuoi rendere il calcolo della ritenuta d'acconto veloce e automatico e eliminare il rischio di commettere errori? Registrati su Debitoor e crea le tue fatture con ritenuta.

La ritenuta d'acconto consiste in una percentuale dell'imponibile che viene addebitata al cliente in fattura come anticipo sulle imposte che il professionista deve pagare (solitamente IRPEF o IRAP).

A chi applicare la ritenuta d'acconto?

I soggetti che possono emettere fattura con ritenuta d'acconto sono:

  • società di persone e capitali
  • chi lavora nel campo commerciale o agricolo oppure esercita un'arte o professione
  • I condomini verso gli amministratori

CREA LA TUA FATTURA CON RITENUTA D'ACCONTO

Definizione di ritenuta d'acconto nel dizionario di Debitoor programma di fatturazione

Aliquote

La percentuale di ritenuta d'acconto è solitamente del 20% sul totale della base imponibile.

Per la cessione dei diritti d'autore questa è calcolata sul:

  • 75% per età superiore ai 35 anni
  • 60% in caso contrario.

Infine, nei rapporti di commissione, agenzia e mediazione si applica il 23% sul 50% dell'imponibile oppure sul 20% in casi speciali.

Ritenuta d'acconto e professionisti

Possono operare con ritenuta d'acconto tutti i professionisti che lavorino autonomamente oppure coloro che debbano emettere ricevuta per prestazione occasionale.

Solitamente, la ritenuta è del 20% e viene calcolata sull'imponibile non considerando IVA o spese anticipate.

Nei casi di prestazione occasionale, è possibile usare questo metodo solo fino alla soglia di 5000 euro annuali per i guadagni netti.

In entrambi i casi i clienti sostituti d'imposta devono consegnare la documentazione che attesta il pagamento della ricevuta perchè i professionisti possano detrarre il rispettivo ammontare dal debito impositivo totale.

Una recente sentenza del tribunale di Milano ha decretato che, nel caso in cui il cliente non paghi la ricevuta come dovuto, il professionista non viene ritenuto responsabile se ha le prove per dimostrare di aver emesso una regolare fattura con ritenuta d'acconto.

Ritenuta d'acconto e agenti di commercio o rappresentanti

Anche nei rapporti di rappresentanza, commercio o mediazione viene usata la ritenuta d'acconto per emettere fattura.

Tuttavia, per questa categoria di operatori economici questa viene calcolata come il 23% sul 50% delle provvigioni e non sul totale.

Nel caso in cui chi emette fattura collabori con altri (che siano interni o esterni all'attività) per la gestione delle operazioni è necessario applicare il 20%.

Ritenuta d'acconto su Debitoor

Se devi fatturare con ritenuta d'acconto su Debitoor, puoi attivare l'opzione dalle Impostazioni dell'azienda nella sezione Tasse e registrazione.

d-it-ritenuta-acconto-2016-06-14.jpg

Tutto quello che devi fare è premere su Attiva e inserire la percentuale. I cambiamenti vengono salvati automaticamente e poi cominciare subito ad applicare la percentuale.

La ritenuta viene calcolata automaticamente sui valori inseriti in fattura.

Puoi seguire la stessa procedura se vuoi disattivare questa opzione.


Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi