Portare la tua attività alle stelle con il content marketing

Se gestisci una PMI o sei un professionista, probabilmente ti sarai chiesto se esista un modo alternativo ai comuni mezzi pubblicitari per farsi conoscere. Il content marketing è una strategia che mira ad attirare clienti attraverso la produzione e la diffusione di contenuti di valore su Internet. 

Ogni azienda o professionista ha sempre un grande interrogativo (vitale per la sua sopravvivenza) a cui trovare una risposta: come attirare e guadagnare nuovi clienti?

La pratica più comune (e costosa) è il ricorso alla pubblicità tradizionale con cartelloni, email, lettere, opuscoli e banner che bombardano e infastidiscono il cliente più che interessarlo.

Il punto principale della questione è proprio la ricerca quasi ossessiva di nuovi clienti. Questa è sicuramente una necessità di ogni impresa ma che a volte si trasforma in un'opera intrusiva e poco piacevole.

Lascia che i clienti ti trovino... ma non casualmente

faq-it-content-mktg-1.jpg

E se invece fossero i clienti a cercarti quando hanno bisogno di te?

Certo questa non è magia e non è gratis ma può essere il risultato di una attenta pianificazione strategica di rafforzamento e riconoscimento del marchio oltre che di convolgimento del gruppo target.

Farsi trovare non è forse così immediato come andare a cercare i clienti ma un duro lavoro in questa direzione può essere più efficace, benefico e duraturo delle strategie tradizionali.

In cosa consiste il content marketing?

Secondo il Content Marketing Institute, il content marketing è una tecnica di marketing di creazione e distribuzione di contenuti di valore, rilevanti e consistenti per attrarre e acquisire un pubblico chiaramente definito, allo scopo di innescare un'azione del cliente che porti profitti.

Dunque è importante che faccia i passi giusti fin dall'inizio e ti concentri sulla qualità degli articoli che pubblichi mantenendo un certo standard e conquistando pian piano la fiducia e il rispetto dei lettori.

Solitamente i testi più lunghi e informativi sono quelli preferiti da Google che cerca sempre i risultati che possano offrire una descrizione più completa di quello che cercano.

Non ti limitare al testo

Questo non significa però che debba includere solo testo sul tuo portale, anzi.

Mettiti sempre nei panni dei tuoi lettori, se facendo ricerche trovassi il tuo articolo lo leggeresti?

Se la risposta è no, fai qualcosa per cambiare la tua opinione e pensa ad una spiegazione più dinamica e interattiva che catturi l'interesse. 

Puoi leggere altro materiale sull'argomento per ispirarti ma devi poi essere creativo nel riscriverlo, rielaborarlo e arricchirlo con altre informazioni, esempi con un tocco personale.

Lunghe colonne di testo molto spesso scoraggiano il lettore che si stanca e preferisce cambiare pagina. Puoi ad esempio utilizzare:

  • infografiche che aiutino a sintetizzare, schematizzare e memorizzare i concetti
  • dei casi pratici che portino concetti astratti sul piano pratico
  • podcast che ti permettano di condividere contenuti multimediali
  • video che esemplifichino le informazioni e mantengano viva l'attenzione
  • e-book da scaricare che riassumano le informazioni e possano essere sempre consultati

Ricorda sempre che un' opzione non esclude l'altra e che puoi sempre trattare dello stesso argomento ma da diverse angolazioni e con diversi mezzi.

Quello su cui devi concentrarti è fornire risposte alle domande dei tuoi potenziali clienti e dare delle spiegazioni esaustive e attendibili.

Per fare questo devi documentarti non solo sugli argomenti di cui scrivi ma anche sul gruppo di persone a cui vuoi rivolgerti.

Come scrivere dei buoni articoli?

faq-it-content-mktg-2.jpg

Come in tutte le attività, per riuscire nel content marketing devi avere una strategia e perseguirla dopo aver raccolto tutte le informazioni necessarie.

Se così non fosse richieresti di fare degli sforzi isolati che risulterebbero vani alla realizzazione dei tuoi obiettivi.

Per avere una maggiore probabilità che i tuoi articoli colgano nel segno puoi considerare diversi aspetti:

  • Chi sono i tuoi lettori (età, abitudini, forma di comunicazione), quali sono i bisogni, le necessità e gli argomenti a cui sono interessati
  • Ricercare notizie sul tuo gruppo di riferimento magari visitando dei siti di categoria o di riferimento o dei forum su cui sono attivi
  • Mettiti nei panni dei tuoi lettori e porta esempi pratici 
  • Riporta definizioni se vuoi ma spiegale in termini semplici e cerca di evitare un linguaggio complesso o contorto tenendo sempre un tono professionale
  • Organizza un discorso organico e inserisci riferimenti ad altre fonti o articoli correlati mediante link così che sia possibile raccogliere informazioni a 360 gradi

Inoltre, dopo aver terminato un articolo chiediti se hai creato del valore aggiunto su Internet per la ricerca su quell'argomento.

Se la risposta è si hai fatto un buon lavoro.

Ottimizza i testi per Google

Puoi avere i contenuti migliori del mondo ma rischiare che nessuno li legga se non sono ottimizzate secondo i criteri SEO. 

Devi riportare le parole chiave con cui vuoi essere cercato sia nel testo che nel nome della pagina e la descrizione.

Inoltre, se includi delle immagini puoi inserire del testo che le descriva così che possano essere rilevate anche da google che non vede come un normale essere umano ma legge codici.

Trasforma le parole in denaro

faw-it-content-mktg-3.jpg

Garantire che i clienti ritornino dipende dalla qualità di quello che scrivi e di quanto riesci a importi come fonte di informazione attendibile.

Puoi cercare di fidelizzare gli utenti non solo mantenendo il livello di informazione e trattare argomenti di interesse ma mantenere il contatto frequente permettendo di iscriversi a una newsletter.

Inoltre, puoi includere delle call to action nei tuoi articoli ovvero dei punti che incitino all'azione e (al passaggio seguente nel processo decisionale oppure all'acquisto del bene o servizio.

Tieni sotto controllo i risultati con Analytics

Dopo tanto lavoro è giusto e importante monitorare l'interazione con i contenuti che crei.

Lo strumento solitamente più usato è Analytics che con funzioni più o meno complesse ti permette di visualizzare quante persone leggono i tuoi articoli e attraverso quali canali.

Con i dati alla mano puoi poi prendere delle decisioni strategiche per eventualmente migliorare i risultati.

Solitamente non vedi i cambiamenti nei dati immediatamente ma potresti dover aspettare più a lungo perchè cambino.

Non per questo devi perderti d'animo ma cercare di seguire i principi riportati sopra e continuare a lavorare con costanza e perseveranza.

Debitoor è un software di fatturazione che ti permette di gestire la tua fatturazione e contabilità in modo semplice, comodo e veloce.
Prova Debitoor gratis per 7 giorni.