Fattura elettronica e nota di credito: come funziona?

Con l'introduzione dell'obbligo di fattura elettronica, sorgono dei dubbi in merito ai cambiamenti che le nuove regole apportano alla normale gestione di fatturazione e contabilità.

In questo articolo ci concentriamo su come correggere eventuali errori sulle fatture elettroniche e se e come emettere nota di credito.

Fattura elettronica e nota di credito spiegate su DEbitoor programma di fatturazione

A cosa serve una nota di credito?

Una nota di credito solitamente viene usata per correggere una fattura o abbonarne il totale o parte dell'importo.

In caso di errori (come ad esempio i dati del cliente, la descrizione dei prodotti, gli importi IVA) in una fattura emessa (ovvero inviata al cliente), devi emettere una nota di credito per correggere il documento. Le fatture emesse sono considerate documenti rilevanti ai fini fiscali e non andrebbero mai cancellate.

Alcuni di questi controlli vengono effettuati dal Sistema di Interscambio (SdI), mentre le altre inesattezze possono essere modificate solo in un secondo momento.

Controlli e errori del SdI

Quando invii la fattura elettronica al SdI, vengono effettuati una serie di controlli. In particolare viene verificato che:

  • siano stati inseriti i dati obbligatori delle fatture (come i dati delle parti, il numero del documento, la data di emissione, la descrizione dei prodotti o servizi oggetto della transazione, i prezzi, l'aliquota applicata e il relativo importo)
  • i dati di partita IVA e codice fiscale di cliente e fornitore siano validi
  • sia stato inserito un indirizzo telematico da usare per recapitare la fattura come un Codice Destinatario o un indirizzo PEC siano stati inseriti
  • i valori dei totali siano calcolati correttamente

Nel caso in cui la fattura elettronica non superi alcuni controlli, viene inviata una fattura di scarto che riporta i dati considerati non validi.

Attenzione: Una fattura scartata viene considerata non emessa. Per questa ragione, non devi emettere una nota di credito per correggerla ma semplicemente correggere le informazioni errata e inoltrarla nuovamente al SdI.

In questo senso, la procedura di fatturazione elettronica ti aiuta a evitare questi errori potendoli correggere prima di emettere una fattura con valenza fiscale.

Quando emettere una nota di credito elettronica?

La nota di credito elettronica va emessa nei termini previsti per una normale nota di credito.

L'unica differenza consiste nel formato, che deve essere necessariamente in XML e la modalità di invio tramite SdI.

Scritto da LauraLaura, 6 Dicembre 2018 in Fatturazione elettronica Fatturazione

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi