Tutti gli articoli

Intervista Cosaporto

La fatturazione non è l'unica cosa che puoi gestire in modo professionale stando comodamente sul divano o in giro e risparmiando tempo.

Grazie a Cosaporto, infatti, se ricevi un invito a cena, sei invitato a un compleanno o un evento o devi fare un regalo non devi sacrificare tempo nella scelta o nel coordinare la consegna: tramite il sito hai una vasta scelta di opzioni di alta qualità e poi decidere quando far recapitare il tuo acquisto senza doverti preoccupare del trasporto personalmente.

Stefano Manili ci racconta la sua esperienza imprenditoriale, l'idea e la filosofia di Cosaporto.

1) Raccontaci un pò di te. Cosa hai studiato? Qual è stato il tuo percorso lavorativo?

Mi chiamo Stefano Manili, ho 46 anni, romano, sposato e con due figlie. Bellissime.

Laureato in Economia. Ho lavorato per circa 20 anni in una società di consulenza americana e da 6 anni sono dirigente in una società di assicurazioni.

Appassionato da sempre di enogastronomia e di nuove tecnologie; l’unione di queste passioni, insieme alla voglia di condividerle con amici, parenti, colleghi, ha dato il là a cosaporto.it.

2) Come e quando è nata l’idea di creare Cosaporto?

L’idea nasce da un’esigenza personale; mia moglie ed io lavoriamo molte ore al giorno, soprattutto lei dopo il lavoro segue molto le mie figlie nelle loro attività extra scolastiche, ma nonostante tutti questi impegni amiamo fare vita sociale, e in una di queste occasioni ci siamo trovati a pensare a quanto fosse bello e comodo avere un sito che gia avesse operato una selezione delle migliori pasticcerie, negozi di fiori o cadeaux, dai quali scegliere qualcosa di speciale da presentare a chi ci aveva invitati, e che magari lo recapitare direttamente a casa loro. Ma visto che questo servizio non esisteva abbiamo pensato di crearlo noi.

Espositore di cosaporto nel blog di Debitoor programma di fatturazione

3) Qual è lo scopo e la filosofia di Cosaporto?

Cosaporto.it ha l’obiettivo di far recuperare l’elegante abitudine di portare qualcosa di interessante da portare alla cena a cui si è stati invitati o in altre occasioni di convivialità , alle quali spesso ci si presenta con un pensiero acquistato all’ultimo momento al centro commerciale o al chiosco di fiori, o peggio ancora a mani vuote per mancanza di tempo.

Viviamo con ritmi frenetici nella caotica Roma, e questo spesso condiziona le nostre scelte d’acquisto.

4) Con che tipo di clienti lavorate?

Il nostro sito si rivolge alle persone che tengono alla qualità dei prodotti, alla cura dei dettagli, alla creatività che i professionisti del campo mettono nel realizzarli.

Ci piace sapere attraverso i feedback dei nostri clienti che sono riusciti a sorprendere piacevolmente le persone con cui hanno passato la serata, grazie al dolce acquistato su Cosaporto.it.

Noi facciamo un gran lavoro di ricerca non solo delle migliori attività commerciali di Roma, ma anche delle attività che hanno una forte identità, qualcosa di prezioso da raccontare attraverso le loro realizzazioni, e che mettono attenzione e cura in ciò che fanno, dalla produzione fino al packaging.

Prodotti disponibili su cosaporto sul blog di Debitoor programma di fattuazione

5) Quali pensi che siano gli elementi più importanti per gestire un’attività?

Fare l’imprenditore in generale richiede molte capacità sia economiche che personali, fare l’imprenditore di una start up come questa richiede innanzitutto una bella dose di coraggio, perché oggi siamo messi tutti nella condizione di generare idee, ma a fare la differenza, oltre ovviamente all’idea stessa, è il coraggio di investirci soldi e tempo.

Dopodiché bisogna avere delle grandi abilità nel riuscire a relazionarsi con i commercianti e con le loro dinamiche quotidiane, essere preparati nel settore marketing e comunicazioni, e nel difficile campo delle spedizioni. Ma per questo ho un valido team che manda avanti ogni giorno la macchina di Cosaporto.it.

6) Quali sono le difficoltà, i rischi e le sfide che hai incontrato? Come le hai superate?

La sfida iniziale è stata quella di trasmettere la mia idea e soprattutto il mio entusiasmo ai partner che volevo subito dentro Cosaporto.it, non è sempre scontato che capiscano il servizio che gli offriamo o le potenzialità del web, quindi ho dovuto avere diversi colloqui con i titolari delle attività commerciali selezionate.

Allo stesso tempo lavoravo sulla parte gestionale del delivery, ossia la ricerca di ditte di consegne serie, affidabili, che mi garantivano la buona riuscita di una consegna, e per buona riuscita io intendo l’arrivo a destinazione del prodotto non solo integro ma soprattutto così come è uscito dal negozio, con la sua bella confezione.

Ci teniamo che le persone facciano una bella figura, Cosaporto.it nasce con questo obiettivo. Forse questa è stata la parte più impegnativa della costruzione di Cosaporto.it.

7) Se ti trovassi ora a dover avviare la tua attività che suggerimento ti daresti con il senno di poi e l’esperienza accumulata in questi anni?

Se dovessi cominciare oggi la mia attività imprenditoriale selezionerei i miei partner non solo su basi qualitative ma anche sulla loro apertura verso un progetto come questo, utilizzerei come misura di valutazione la loro capacità collaborativa che contribuisce a velocizzare la realizzazione delle pagine del sito e i loro aggiornamenti. Inoltre distribuirei la stessa scelta dei partner su un’area più ampia, quindi meno concentrata, di Roma, ma su quello ci stiamo già lavorando.

8) Quali sono i tuoi piani per il futuro?

Per il futuro prevedo sempre la ricerca del perfezionamento: della nostra offerta, del servizio, della comunicazione, e magari prevedo anche la possibilita di portare Cosaporto.it in altre città.

Una funzionalità che abbiamo appena messo live sul sito sono i “Regali di Gruppo”, quindi la possibilità per il cliente di scegliere un regalo e poi decidere con quante e quali persone condividere la spesa. A queste persone arriverà un’email con il link per il pagamento e quando tutte le quote saranno saldate l’ordine partirà. L’organizzatore ovviamente sarà sempre avvisato in tempo reale dell’avanzamento e, in caso di mancato pagamento di qualche quota, potrà provvedere a saldare direttamente.

Regali di compleanno, regali alle maestre, un’ottima bottiglia di vino invece di 3 bottiglie così così…insomma sono tante le occasioni in cui può tornare utile e ancora una volta con un bel risparmio di tempo e di messaggini whatsapp!

9) Come hai trovato Debitoor? Cosa ti piace e come ti aiuta nel tuo lavoro?

Ho conosciuto Debitoor navigando su internet e, tra le tante soluzioni oggi disponibili, mi è subito saltata all’occhio perché sembrava nata proprio per le mie esigenze; allora ho chiesto a chi prima di me aveva deciso di intraprendere un percordo imprenditoriale, ricevendone sempre e solo feedback positivi.

Oggi Debitoor è un asset fondamentale perché mi consente di gestire in maniera semplice, efficace e fruibile la contabilità di cosaporto.it.

E se le cose andranno bene, potrà accompagnare la mia azienda nel suo percorso di crescita. Ho chiesto alla persona di cosaporto che lo usa maggiormente perché si trova bene con Debitoor e la sua risposta sintetica secondo me è stata la migliore: “semplice…fa tutto lui!”.

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp