Tutti gli articoli

Jobs Act e articolo 18: cosa cambia

b-it-3-women-talking.jpg

L'approvazione e la pubblicazione del Jobs Act introduce dei cambiamenti all'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori e ai contratti a tempo indeterminato tanto cari a molti italiani.

Le nuove regole sono nate per dare una maggiore flessibilità agli accordi lavorativi e incentivare le assunzioni a lungo termine.

Tuttavia, queste previsioni hanno degli svantaggi in termini di protezione e reinserimento nel posto di occupazione in caso di licenziamento.

Contratti a tutele crescenti e diritto di reintegro per licenziamento ingiusto

Fino all'emanazione del Jobs Act, a tutti i lavoratori veniva garantito il reintegro a lavoro nel caso in cui venisse riconosciuta l'illegittimità del provvedimento.

Questo è ora possibile solo per i casi di licenziamento discriminatorio o nullo.

Per i licenziamenti economici o disciplinari, se il giudice stabilisce che la richiesta del datore di lavoro è valida, questi deve pagare un risarcimento economico che va da 4 a 24 mensilità (2 per ogni anno nell'azienda).

In ogni caso il giudice è chiamato a decidere solo sull'esistenza dei termini del licenziamento e non sull'adeguatezza del provvedimento.

Il lavoratore viene reintegrato nel caso in cui non ci siano le condizioni per il licenziamento e il datore di lavoro deve dare al lavoratore il salario che avrebbe percepito nel periodo in cui è stato sospeso dal lavoro meno eventuali guadagni accumulati per altre prestazioni nello stesso periodo di tempo e considerato quello che avrebbe potuto ricevere se avesse accettato un'altra offerta di lavoro.

I termini appena descritti sono ridotti per aziende di piccola dimensione.

A quali contratti vengono applicate le nuove regole?

Questi provvedimenti sono validi per tutti coloro che sono stati assunti a partire dal 1 gennaio 2015, mentre tutti gli altri ne rimangono esclusi.

Un'eccezione è costituita dalle aziende con più di 15 impiegati in cui il nuovo regolamento viene esteso a tutto il personale.

È possibile applicare l'articolo 18 ai nuovi contratti?

Come regola generale sono effettivi i contratti a tutele crescenti ma individualmente le due parti possono optare per dei termini più favorevoli.

Le previsioni possono riguardare tanto i risarcimenti economici, la durata minima del contratto oppure un trattamento diverso da quello predefinito.

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp

La tua privacy è importante per noi

Quando accedi a questo sito o utilizzi una delle nostre applicazioni mobili, potremmo raccogliere automaticamente informazioni come dati standard e identificatori per scopi statistici o di marketing. Puoi acconsentire al trattamento per queste finalità configurando di seguito le tue preferenze. Se preferisci rinunciare, puoi in alternativa scegliere di negare il consenso. Tieni presente che alcune informazioni potrebbero essere conservate lo stesso dal tuo browser poiché sono necessarie per il funzionamento del sito.