Tutti gli articoli

Sfide, cambiamento e conoscenze in azienda: largo agli esperti

b-it-rain-sky.jpg

Le dinamiche aziendali sono descritte in molti libri e articoli accademici e altrettanti sono gli studi e i casi pratici analizzati per delinearne delle regole generali.

In generale i cambiamenti sono i processi più drammatici e critici in ogni attività e più difficili da gestire.

Riconoscere la necessità di cambiamento, comunicarlo, realizzarlo in modo efficace e fare in modo che l'azienda sopravviva sono le maggiori sfide l'innovatore si trova davanti.

Per aiutare questo processo e assistere le risorse umane, le imprese ricorrono a delle figure specifiche che possono preparare e coadiuvare,nello specifico coach, consulenti e mentori.

I mentori

A questi "maestri", veterani in azienda vengono spesso affidate le nuove reclute a cui devono trasmettere tutte le conoscenze implicite e proprie dell'azienda.

Molto spesso rappresnetano il modello e la guida di altri lavoratori e li introducono a situazioni nuove (sia che questi muovano i primi passi nell'impresa o abbiano un nuovo ruolo).

Da questi parte la diffusione della cultura organizzativa che hanno contribuito a creare.

I coach

A queste figure viene affidato lo sviluppo e la massimizzazione delle risorse dell'azienda e le capacità di uno o più individui in un ambito specifico.

Se ad esempio la tua visibilità può essere migliorata attraverso delle interviste o discorsi pubblici e il tuo personale non ha dimestichezza a farlo è necessario che venga allenato a farlo con disinvoltura.

I coach conoscono i meccanismi delle aziende e hanno diversi approcci che possono applicare per affrontare e risolvere queste debolezze o mancanze e trasformarle in punti di forza.

I consulenti

I consulenti entrano in gioco quando viene rilevato un problema di un dipendnete che ne minaccia la serenità e il lavoro quotidiano.

Molto spesso succede che in un processo di cambiamento, mettiamo una riorganizzazione della struttura organizzativa e dei compiti, un individuo possa sentirsi incerto e possa dubitare di essere all'altezza dell'incarico o del rispetto degli altri colleghi.

In questo caso è opportuno affrontare il cuore del problema attraverso l'intervento di un consulente esterno all'azienda che possa proporre un'oggettiva (e alternativa) visione dei fatti e un nuovo approccio.

In questo modo, riacquista la sicurezza, il singolo o il gruppo può essere reintegrato in un contesto aziendale più coeso e partecipare come parte attiva al nuovo assetto aziendale.

Leggi anche Tu e i tuoi collaboratori: l'unione fa la forza

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp

La tua privacy è importante per noi

Quando accedi a questo sito o utilizzi una delle nostre applicazioni mobili, potremmo raccogliere automaticamente informazioni come dati standard e identificatori per scopi statistici o di marketing. Puoi acconsentire al trattamento per queste finalità configurando di seguito le tue preferenze. Se preferisci rinunciare, puoi in alternativa scegliere di negare il consenso. Tieni presente che alcune informazioni potrebbero essere conservate lo stesso dal tuo browser poiché sono necessarie per il funzionamento del sito.