Tutti gli articoli

Legge di stabilità: tutte le novità del 2016

glasses-book-table.jpg

Con l'inizio del 2016 inizia un nuovo anno fiscale ed entrano in vigore i cambiamenti contenuti nella Legge di Stabilità.

Le nuove regole coprono diversi campi e interessano sia imprese che liberi professionisti.

In sintesi, vengono introdotte delle agevolazioni che riducono le spese a cui sono soggetti gli imprenditori e migliorano la posizione dei liberi professionisti che vengono equiparati alle aziende per l'accesso ai fondi europei. Inoltre, l'uso dei POS diventa obbligatorio anche per i pagamenti di piccoli importi.

Legge di Stabilità in punti

Le principali modifiche possono essere riassunte in una serie di punti:

  1. maxiammortamento per i macchinari
  2. agevolazioni per alcune regioni
  3. IMU, IRAP e IRES
  4. regime dei minimi
  5. obbligo del POS anche per transazioni di importi minimi
  6. altri provvedimenti

Maxiammortamento per i macchinari

Un ammortamento del 140% viene applicato a tutti i nuovi macchinari o mezzi di trasporto utilizzati da imprese e attività e acquistati nel periodo compreso tra il 15 ottobre 2015 e il 31 dicembre 2016.

Eccezioni: sono esclusi da questa agevolazione investimenti in beni strumentali con coefficiente di ammortamento minore del 6,5%, in fabbricati e costruzioni e per produzione e distribuzione di gas naturale, ferrovie e spostamenti in aereo o via nave.

Tuttavia, questa agevolazione non pesa sull'ammontare delle tasse da pagare fino alla fine del 2015 perchè si considerano i valori normali.

Agevolazioni per alcune regioni

Per le regioni Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna, Abruzzo e Molise, la normativa prevede un credito d'imposta presentato all'Agenzia delle Entrate che:

  • riduce le spese delle imprese
  • è valido dal 1 gennaio 2016 al 31 gennaio 2019
  • varia in base alla dimensione dell'azienda

tabella-beneficio-mezzogiorno.png

L'agevolazione riguarda macchinari, impianti e attrezzature sia acquistate che prese in prestito per attività già operative o in fase di avviamento.

Esclusione: non possono beneficiare del credito di imposta i soggetti che operano nell'industria siderurgica, carbonifera, costruzione navale, trasporti, energia, banche, assicurazioni, fibre sintetiche e finanza.

IMU, IRAP e IRES

L'IMU viene abolito per:

  • i terreni agricoli
  • gli imbullonati delle aziende

IRAP viene abolito per le aziende agricole mentre l'IRES sarà diminuito al 24% a partire dal 2017.

Regime dei minimi

A partire dal 2016 non è più possibile aderire al vecchio regime dei minimi e i chi apre partita IVA può aderire solo al nuovo regime forfettario.

I guadagni dei liberi professionisti che vogliano aderire a questo regime non devono superare i 30.000 euro .

La stessa soglia vale anche per i lavoratori dipendenti che vogliano avviare un'attività e di conseguenza aprire partita IVA.

Infine, per le start up il regime dei minimi vale per i 4 anni iniziali.

Leggi anche: Partita IVA e regimi fiscali: vantaggi, termini e condizioni

POS anche per i micropagamenti

Gli esercizi commerciali, a seguito della Legge di stabilità, dovranno accettare pagamenti con la carta di credito anche per pagamenti superiori ai 5 euro (e non 30 come in precedenza).

Altri provvedimenti

La Legge di Stabilità definisce le società benefit come entità a scopo di lucro ma che tendono a degli obiettivi che beneficiano tutti.

Per quanto riguarda i contratti di lavoro a tempo indeterminato, il sostegno per i contributi sarà ora pari al 40%.

Leggi anche: Jobs Act: tutti i cambiamenti della nuova riforma del Lavoro

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp

La tua privacy è importante per noi

Quando accedi a questo sito o utilizzi una delle nostre applicazioni mobili, potremmo raccogliere automaticamente informazioni come dati standard e identificatori per scopi statistici o di marketing. Puoi acconsentire al trattamento per queste finalità configurando di seguito le tue preferenze. Se preferisci rinunciare, puoi in alternativa scegliere di negare il consenso. Tieni presente che alcune informazioni potrebbero essere conservate lo stesso dal tuo browser poiché sono necessarie per il funzionamento del sito.