Tutti gli articoli

Hard skill vs soft skill: di quale hai bisogno?

cage-bird-black-white.jpg

Quando si parla di aziende si parla spesso di risorse e competenze e di come sfruttare, integrare e massimizzare quelle disponibili.

Molte volte la ricetta del successo e la creazione di un vantaggio competitivo viene proprio descritta come un mix di risorse tecnologiche e strategie di gestione aziendale, hard e soft skills appunto.

Sorge quindi una domanda: c'è una parte da favorire per il successo? E... dovendo scegliere si può decidere di concentrarsi sullo sviluppo di una sola di queste competenze?

Leggi anche: Analisi di mercato e piani strategici: come rispondere ai segnali del contesto imprenditoriale

Perchè la tecnologia da sola non basta...

Mettiamo che un'azienda crei un prodotto eccezionale e innovativo con un alto potenziale di cambiare e semplificare le vite di moltissime persone.

Questa idea, per lo sviluppo della quale gli ideatori hanno impiegato ore di lavoro, fatica e passione, viene finalmente lanciata sul mercato ma non riceve l'accoglienza sperata.

Le ragioni per spiegare questo fenomeno potrebbero essere diverse, tra queste il prodotto/servizio potrebbe:

  • non essere così innovativo come si pensa
  • non soddisfare un particolare bisogno
  • risultare complesso da utilizzare
  • non essere stato pubblicizzato nel modo giusto.

Leggi anche: Mercato che vai, strategia che trovi: quale usare e perchè

... ma ha bisogno di un bel contorno!

Ed è a questo punto che entra in gioco la parte creativa e gestionale dell'azienda, nei panni dei responsabili marketing e comunicazione, per analizzare il mercato e sensibilizzarlo .

I laureati in materie umanistiche o sociali con specializzazione in digitalizzazione sono le punte di diamante delle organizzazioni grazie alle conoscenze interdisciplinari e all'approccio a 360°.

Le qualità rilevanti sono la creatività e la flessibilità nella soluzione di problemi o nella creazione di nuove idee che permette di associare elementi a prima vista disconnessi e di natura diversa.

In secondo luogo, l'empatia ovvero una sensibilità alle necessità degli altri è molto importante per avere una visione sia dei bisogni interni all'azienda che di quelli esterni del mercato e dei consumatori.

Infine, ultima ma non meno importante, la capacità di storytelling (raccontare la parte umana dell'azienda e l'intento delle persone che sono dietro all'organizzazione) è un altro punto forte della startegia di marketing e branding.

Fare marketing non significa fare pubblicità ma coinvolgere emotivamente e psicologicamente i clienti in modo che diano un valore superiore a un determinato bene o servizio e non riescano più a farne a meno o a cambiarlo facilmente con un altro.

Leggi anche: Valore del marchio e reputazione: la tua azienda agli occhi degli altri

Niente in o out ma un approccio combinato

In un'azienda di successo queste due capacità (tecniche e creative di gestione) si integrano alla perfezione tendendo allo stesso risultato e supportandosi reciprocamente.

Numerosi casi hanno dimostrato come queste due qualità isolatamente non siano sufficienti a sfondare nel mercato, ma se coordinate, possono creare un mix vincente.

Hard skills e soft skills risultano essere la conditio sine qua non per il successo, requisiti fondamentali per la vita e la sopravvivenza dell'azienda.

Leggi anche: Tu e la tua azienda: le regole d'oro per eccellere

Programma di fatturazione e contabilità per PMI e autonomi Debitoor by SumUp

La tua privacy è importante per noi

Quando accedi a questo sito o utilizzi una delle nostre applicazioni mobili, potremmo raccogliere automaticamente informazioni come dati standard e identificatori per scopi statistici o di marketing. Puoi acconsentire al trattamento per queste finalità configurando di seguito le tue preferenze. Se preferisci rinunciare, puoi in alternativa scegliere di negare il consenso. Tieni presente che alcune informazioni potrebbero essere conservate lo stesso dal tuo browser poiché sono necessarie per il funzionamento del sito.